Michela Marzano: Volevo essere una farfalla

di Barbara Commenta

In questi giorni, in rete, si dibatte molto sul libro Volevo essere una farfalla di Michela Marzano. La Marzano, di cui abbiamo già parlato a proposito di Etica oggi, è una filosofa, giornalista e scrittrice che sta diventando sempre più un importante riferimento per il pensiero femminile.

Molte donne si chiedono perché abbia quindi deciso di raccontare la propria vita a tutti, i propri percorsi dolorosi, dolorosissimi, che comprendono il periodo dell’anoressia. In fondo, non ha certo bisogno della visibilità che questo romanzo sicuramente le regalerà.

Il punto credo sia proprio questo però, che la Marzano lo ha fatto non solo per se stessa (un percorso terapeutico di narrazione autobiografica può in fondo restare anche nel cassetto), ma anche per le altre donne e non solo per coloro che soffrono di anoressia, ma per tutte, aiutando a ridefinire un immaginario femminile sempre più stereotipato.

In attesa di poterlo leggere, vi riporto alcune frasi presenti nella scheda che la Mondadori ha messo online e vi ricordo che sempre attraverso la scheda del libro potete leggere gratis il primo capitolo.

L’anoressia non è come un raffreddore. Non passa così, da sola. Ma non è nemmeno una battaglia che si vince. L’anoressia è un sintomo. Che porta allo scoperto quello che fa male dentro. La paura, il vuoto, l’abbandono, la violenza, la collera. È un modo per proteggersi da tutto ciò che sfugge al controllo. Anche se a forza di proteggersi si rischia di morire. Io non sono morta. Oggi ho quarant’anni e tutto va bene. Perché sto bene. Cioè… sto male, ma male come chiunque altro. Ed è anche attraverso la mia anoressia che ho imparato a vivere. Anche se le ferite non si rimarginano mai completamente.
In questo libro racconto la mia storia. Pensavo che non ne avrei mai parlato, ma col passare degli anni parlarne è diventata una necessità. Per mostrare chi sono e che cosa penso. Perché, forse, senza quella sofferenza non sarei diventata la persona che sono oggi. Probabilmente non avrei capito che la filosofia è soprattutto un modo per raccontare la finitezza e la gioia. Gli ossimori e le contraddizioni. Il coraggio immenso che ci vuole per smetterla di soffrire e la fragilità dell’amore che dà senso alla vita.

Autore: Michela Marzano
Titolo: Volevo essere una farfalla
Editore: Mondadori
Anno: 2011
Pagine: 216
Prezzo: € 17.50
ISBN: 978880460696

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>