Elizabeth Gilbert annuncia un nuovo romanzo

di Giada Aramu Commenta

 Dopo il grande successo letterario di Mangia, Prega, Ama e l’ultimo romanzo Giuro che non mi sposo, la storia di una donna indipendente e allergica al matrimonio; la scrittrice Elizabeth Gilbert annuncia di essere impegnata nella scrittura di un altro libro, una storia diversa da quelle trattate finora. Dopo aver narrato la fine di un amore e l’inizio di un viaggio e aver trattato con ironia le avventure di una donna libera da legami, la scrittrice annuncia di voler narrare un amore totalmente diverso, quello per la botanica, un’attrazione fortissima per la natura che era già stata ampiamente celebrata nel suo primo romanzo nel quale aveva narrato minuziosamente la vegetazione dell’Indonesia e i meravigliosi paesaggi lussureggianti del paese.

La scrittrice, intervistata da molte riviste americana, aveva annunciato l’inizio di un periodo molto importante e, con esso, la necessità di dover analizzare il percorso svolto e riflettere sulla scrittura e il suo rapporto con l’arte. La riflessione, fondamentale e fortemente desiderata dalla Gilbert, le ha dato modo di analizzare più profondamente le sue necessità, un vulcano di emozioni che l’ha trascinata ancora una volta nella natura e, più precisamente, in una piccola cittadina americana di appena mille abitanti. Da questa scelta nasce così l’interesse verso la botanica e il bisogno di scrivere un nuovo romanzo dove la terra fosse protagonista, un lavoro duro che annuncia di aver intrapreso lo scorso ottobre e che trasformerà i suoi lettori in compagni di viaggio, amici viaggiatori che accompagneranno la narratrice durante un’esplorazione della natura del XIX secolo, un periodo, quello Vittoriano, che l’ha sempre affascinata.

Nulla emerge ancora a proposito della trama e dei personaggi che daranno vita alla sua storia; un silenzio che sta interrogando i suoi lettori sugli elementi della storia. Si nasconderà tra le pagine dell’ultimo libro un intreccio amoroso? Sarà la storia di un’amicizia o sarà il viaggio l’unico fulcro della vicenda? La scrittrice evita ogni anticipazione ma non rinuncia a far sapere il suo sogno, quello di essere una giardiniera durante la primavera, e una scrittrice durante l’inverno.

[Photo Credits filmizer]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>