Presentazione di E’ facile smettere di scrivere se sai come farlo, Luciano Pagano

di Giada Aramu 2

E' facile smettere di scrivere se sai come farlo, Luciano PaganoE’ uscito solo qualche giorno fa in versione digitale e il titolo mi ha davvero stupita. Curiosa, mi sono alzata dalla mia postazione di lavoro e mi sono avvicinata alla libreria. Quanti volumi dedicati alla scrittura e al mestiere dello scrittore ho allineati sullo scaffale? Una dozzina. Anzi, quattordici. Alcuni di questi sono intonsi, altri hanno segnalibri di vario genere (tra cui qualche scontrino) e altri ancora, quelli più interessanti, hanno guadagnato numerose annotazioni e note scritte a mano su un quaderno. Prima d’ora, però, mai avevo acquistato né visto in libreria un libro dedicato alla non-scrittura, mai ho pensato che un giorno avrei visto tra i volumi in vendita di Amazon.com il libro E’ facile smettere di scrivere se sai come farlo, bizzarra opera di Luciano Pagano e pubblicata da Musicaos.

Lo ammetto: non ho ancora comprato il volume ma sono così curiosa da voler chiedere a voi, cari lettori, di offrirmi un commento a caldo del volume, un’impressione, la prima che vi è saltata in mente una volta chiuso il libro (digitale). L’avete letto? Ma soprattutto, vi è passata la voglia di scrivere?

Dal web, ecco la presentazione del libro:

Esistono diversi libri che spiegano come scrivere una storia, imparare a narrare imbrigliando la propria ispirazione, fissare in parole e immagini efficaci i propri pensieri. Questo libro è diverso, perché si tratta di un manuale di non-scrittura. Più precisamente, come dice lo stesso titolo, è un libro nato per aiutare a smettere di scrivere. Quest’opera infatti contiene una serie di suggerimenti, informazioni e notizie, che aiuteranno gli scrittori, gli scrivani e gli scriventi, a smettere di scrivere. Le sezioni in cui si articola il presente lavoro sono molteplici, alcune di esse vi spiegheranno come smettere di essere ispirati, come smettere di pubblicare, come smettere di scrivere grazie alle riviste o grazie ai social network.

Ed ecco l’indice del libro:

1 – Una breve introduzione. Che cos’è questo libro e a chi si rivolge.
2 – Come smettere di essere ispirati.
3 – Come smettere di abortire best-seller.
4 – Va bene, scrivete. Chiedetevi il perché.
5 – Come smettere di scrivere grazie alle riviste.
6 – Come smettere di scrivere aiutandosi con il lavoro.
7 – Come smettere di scrivere grazie ai librai.
8 – Come smettere di scrivere usando i social network.
9 – Come smettere di scrivere grazie agli editori.
10 – Come smettere di scrivere grazie ai critici.
11 – Come smettere di scrivere grazie al self-publishing.
Conclusioni

Commenti (2)

  1. cara Giada, ti ringrazio per la fiducia, in effetti anche la mia libreria ha una sezione dedicata a quel genere di manuali. Ho scritto questa guida come una sorta di percorso a ostacoli per scrittori, scrivani e scriventi, affermati e non. A questo punto devi leggerla! 🙂
    È il secondo ebook di Musicaos.it, il terzo è in arrivo. Un caro saluto
    Luciano Pagano

  2. Ho letto tutto d’un fiato il testo.
    Il titolo mi aveva molto incuriosita e, conoscendo da un po’ l’autore, ho deciso di acquistarlo e leggerlo.
    Lo stile è scorrevole e inequivocabile. L’autore affronta una ad una tutte le diverse argomentazioni per arrivare allo scopo di farci smettere di scrivere.
    Tutto ciò che l’autore asserisce fa riflettere e mette in fila, una ad una, tutte le personali insicurezze.
    Ti scava dentro e arriva a snidare anche il più piccolo barlume di illusione e speranza.
    Ma si sa, la voglia di scrivere è un male profondo che è difficile sdradicare.
    Almeno per quel che mi riguarda, la passione per la scrittura è alimentata dalla voglia infinita di far luce dentro di me attraverso il racconto di storie che mettono sempre alla prova il mio amore per la vita.
    Al termine della lettura del testo la voglia di scrivere a me non è passata ma, posso asserire, che da oggi in poi sono più sicura delle ragioni che mi portano a scrivere e ho più chiare quelle che posso essere le mie possibili aspirazioni.
    Io consiglio vivamente la letture del testo in primo luogo per godere dello stile fresco e accattivante scelto dall’autore e in secondo luogo perché aiuta a riflettere e a farl luce sulle vere ragioni che ci spingono ad amare la scrittura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>