I beagle di Green Hill in un libro

di Valentina Cervelli Commenta

I cani di Green Hill sono stati per questi mesi passati il simbolo della cattiveria umana nei confronti degli animali. Utilizzati per sperimentazioni di diverso genere sono stati liberati qualche mese fa da un gruppo di attivisti. Il libro fotograficoVengo via con te” racconta questa storia.

Tutti i cani, compresi quelli ancora nel grembo delle loro madri, sono ora liberi e affidati a del personale e persone premurose che li hanno salvati dal loro destino fatto di gabbia e sperimentazioni.  Ha commentato in modo egregio il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza:

Quella di Green Hill è una bella favola che speriamo abbia davvero un lieto fine. Per il momento i risultati raggiunti sono molto soddisfacenti: i cani e le cucciolate nate in queste settimane sono liberi ed affidati a mani premurose, lontano dalle gabbie e dai tavoli delle sperimentazioni che li avrebbero condannati ad una vita peggiore della morte.

Il libro racconta con le immagini la felicità di tutti questi beagle sottratti ad un destino da cavia all’interno del canile di Montichiari e affidati alle cure di tante e tante famiglie che nonostante le difficoltà e la crisi si son date da fare per dare a questi animali una seconda possibilità migliore della prima. Non è stato un percorso facile quello che ha portato alla liberazione dei canidi, tutt’altro. Ma è stata emozionante e coinvolgente, per tutta la popolazione italiana, che ha seguito con forte interesse (coadiuvata dai media, N.d.R.) la situazione. Una storia che fortunatamente ha avuto un lieto fine e che ha dimostrato come possiamo essere noi stessi, semplici cittadini, a raggiungere ragguardevoli risultati.

Un volume denso di emozioni e di gioia, perfetto per evocare quello che è stato forse il blitz più acclamato nazionalmente degli animalisti. Un’opera adatta a chi ama gli animali, ma anche a chi ama le storie a lieto fine.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>