L’amore proibito di Santa Montefiore

di isayblog4 1

Questo libro mi ha lasciata decisamente perplessa. Comincio subito con dirvi che storia narra: Angelica è una scrittrice di libri per bambini, ma anche una bella donna benestante, sposata con un uomo altrettanto bello e benestante di nome Olivier. Ha tre amiche con cui si incontra regolarmente e con cui parla del proprio matrimonio e dei figli.

Olivier, come molti mariti, ha la pessima abitudine di flirtare con tutte le belle donne che incontra, ma Angelica passa oltre e sopporta anche i commenti che lui fa a proposito del suo peso. Finché una sera, durante una cena, incontra Jack, che abita in Sud Africa e che la conquista immediatamente.

Jack è un donnaiolo, ha avuto molte altre relazioni, nonostante sia sposato, ma Angelica non riesce a resistergli e lo stesso Jack sembra considerarla qualcosa in più della solita storia extraconiugale. Il tutto con il benestare della moglie Anna, che custodisce un segreto che Jack non ha ancora rivelato a nessuno.

Santa Montefiore ha una scrittura piacevole e leggera, quindi il romanzo, nonostante sia molto corposo, si legge in fretta. Quello che mi lascia perplessa sono, oltre la moglie di Jack che è un personaggio davvero poco realistico, anche i commenti delle amiche sulle donne di servizio, le considerazioni della protagonista sulle popolazioni sudafricane e il fatto che ogni persona povera che la stessa incontra si riveli alla fine un porco o un imbroglione.

La Montefiore è una scrittrice molto amata, ma ahimè non riesco a non innervosirmi mentre leggo il suo romanzo. Probabilmente sono puntigliosa o forse non colgo bene le sfumature del suo racconto. Qualcuno di voi lettori di Libri e Bit ha già divorato L’amore proibito? Mi dite cosa ne pensate?

[…]Angelica restò inorridita dal mare infinito di baraccopoli che sembrava assediarla. L’aria torrida tremolava sui tetti di lamiera, un patetico riparo alle catapecchie variopinte che la gente chiamava case […] Non era sicura che sarebbe riuscita a vivere in un paese dove la povertà-e che povertà- era così visibile e opprimente. Sarebbe stato certamente impossibile trovare la felicità sotto l’ombra cupa di una tale miseria. Lasciatasi con sollievo le squallide cittadine per essere accolta dal candore abbagliante della città, riuscì quasi a dimenticare che tanta bruttezza potesse esistere […]

Autore: Santa Montefiore
Titolo: L’amore proibito
Traduzione: Claudia Converso
Editore: Sonzogno
Anno: 2011
Pagine: 448
Prezzo: € 19,50
ISBN: 978-88-454-2496-0

Commenti (1)

  1. Ho appena finito di leggere l’amore proibito di Santa Montefiore. Trovo che sia un romanzo stupendo, perchè affronta con molto realismo la complessità dell’animo umano. E’ una storia fiabesca raccontata con un’analisi verosimile dei dilemmi e dei dubbi che inevitabimente colgono qualunque essere umano nel corso della vita.
    I personaggi sono tutti reali. Lo sono le amiche snob di Angelica (ne ho avute anche io di amiche così), lo è Olivier, con il suo comportamento maschilista e infantile (di uomini così è pieno il mondo), lo è Jack, perchè nella mia vita mi è capitato di incontrare una persona che è come Jack. E’ possibile anche che esista una donna come Anna, talmente altruista da essere capace di amare senza riserve, perchè credo che in giro per il mondo esistano persone fantastiche (poche).
    La descrizione dello squallore del Sudafrica è scontata in un personaggio come Angelica. Mi sembra la reazione più verosimile da parte di una londinese che passa le sue giornate nei migliori ristoranti con le amiche.E assolutamente realistica, in quanto penso che la stragrande maggioranza delle persone, ahimè, reagirebbe nello stesso identico modo.
    E’ un romanzo che mi ha coinvolta e in cui mi sono identificata, forse perchè mi ha ricordato il mio Jack..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>