Salto nel passato: i Tascabili economici Newton

di Valentina Cervelli Commenta

Facciamo un salto indietro nel tempo, quando ancora non esisteva la possibilità di leggere libri online, e ebook , pdf e simili, se già esistevano erano uno svago per i cervelloni dell’ultima ora. Per un adolescente, od una famiglia che lavora per crescere i propri figli e mantenere una vita dignitosa, comprare un libro poteva rappresentare davvero un lusso.

Ad un certo punto arrivò lei, sugli scaffali delle librerie e nelle edicole, l’edizione tascabile. In Italia fece furore la Newton Compton.

Fondata nel 1969 da Vittorio Avanzini, la casa editrice fu in grado di rivoluzionare l’amore per la lettura dell’intero paese. Sebbene edizioni più curate nell’aspetto e nella copertina furono continuate ad essere vendute, grazie alla sua politica “100 pagine, mille lire” e alla collana Tascabili Economici Newton, migliaia di persone poterono permettersi di acquistare copie del proprio autore preferito.

Parliamo di grandi classici, di esponenti del romanticismo inglese, di miti inossidabili della letteratura italiana e straniera. I libri della collana tascabile erano facilmente riconoscibili: quasi tutti presentavano uno sfondo giallo sul quale campeggiava una immagine correlata al libro o al suo scrittore, dei bordi verdi e dello stesso colore, a caratteri cubitali, titolo e prezzo dell’opera. E quando la copertina era più ricercata, il costo non passava ad ogni modo inosservato .

E non bisogna assolutamente pensare che ad un prezzo basso corrispondesse una qualità non sufficiente.  La stampa non presentava difetti, e le suddivisioni in capitoli venivano ovviamente rispettate.  A farne le spese, spesso e volentieri era la grandezza del carattere, senza però che la leggibilità dell’opera ne venisse inficiata, anzi, forse il buon prezzo era strettamente legato a questa capacità di “risparmiare” sulle pagine.

La rilegatura, resistente, ha permesso una lunga conservazione dei tascabili. Provate a chiedere ai vostri genitori ed ai vostri amici se ne conservano un esemplare: potrete toccare con mano il fenomeno.

Perché dati i numeri proprio di questo si tratta.  Parliamo di qualcosa come 50 milioni di copie vendute. E non è poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>