Parole per noi due di Tommaso Zorzi, recensione

di Valentina Cervelli Commenta

Spread the love

Parole per noi due, di Tommaso Zorzi è un piccolo gioiello emozionale che tutti dovrebbero leggere: a partire dagli adolescenti fino ad arrivare alle nonnine in pensione. A sorpresa l’influencer  regala ai suoi lettori un romanzo veloce da leggere, non complesso nello stile ma meritevole nell’approccio al lettore e nella caratterizzazione dei personaggi.

Un libro che dovremmo tutti concederci di leggere

Il suo primo romanzo è stato uno spaccato glamour veloce su un ambiente divertente, Parole per noi due è un libro che probabilmente risentirà del pregiudizio di coloro che non amano il suo autore ma che merita di essere letto. È un regalo che la persona fa a sé stessa se si concede di gettare via tutti i possibili preconcetti.

E non solo perché il romanzo racconta di una bellissima storia d’amore tra due uomini, ma anche perché offre uno spaccato sincero sui vizi e le virtù del mondo LGBTQ spesso idealizzato e quasi mai nel modo giusto. Chi conosce Tommaso Zorzi, attraverso questo suo secondo libro ha la possibilità di scoprire quel suo lato sensibile che non sempre è alla portata di tutti.  E non solo: ha la possibilità di apprezzarne la maturità raggiunta stilisticamente a livello letterario.

Se con “Siamo tutti bravi con i fidanzati degli altri” le risate fatte riuscivano a malapena a proteggere la storia stilisticamente, con Parole per noi due si sale di livello e di molto.

Perché leggere Parole per noi due di Tommaso Zorzi

Con Parole per noi due di Tommaso Zorzi si sale di livello per la storia, che non è scontata. Si sale di livello stilisticamente nella forma. E la narrazione, divisa tra i due personaggi principali in racconto e sotto forma di diario, rende possibile la creazione di un ritmo che non ti consente di mettere giù il romanzo una volta iniziato.

Se questo è quello che l’autore ha in serbo per il futuro in questo ambiente non vediamo l’ora di vedere il resto. Stefano e Riccardo, i due protagonisti, sono caratterizzati molto bene: qualcosa che avviene anche con i personaggi secondari e a prescindere dal riconoscere l’ispirazione alla base di alcuni, quello che si percepisce è come Zorzi abbia scritto emozionalmente coinvolto: fattore evidente per qualsiasi tipologia di lettore possa prendere in mano questo libro.

E come niente, alla fine, ci si trova commossi. Parole per noi due è un libro da consigliare? Assolutamente sì. Senza avvicinarsi con pregiudizio alle sue pagine e al suo autore, il quale dovrà forse fare ancora molta strada, ma che con questo romanzo ci ha dimostrato di poter dare molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>