La verità della suora storta di Andrea Vitali, recensione

di Valentina Cervelli Commenta

L’amore per Andrea Vitali da parte mia non è una novità: stile spettacolare e storie mai scontate fanno di lui uno degli autori che gradisco di più. Ed essere arrivata a mettere le mani su “La verità della suora storta” non ha fatto altro che confermare tutto questo.

andrea vitali

Perché Andrea Vitali è senza dubbio uno degli autori italiani più talentuosi del nostro tempo. E questo è un fattore innegabile. La sua più grande forza sta nella capacità di intrecciare le vite dei personaggi come se fossero una intricata stoffa artigianale. Ogni filo è collegato e ben tenuto e le sue capacità satiriche sono al loro massimo. Qualcuno potrà dire che le storie ormai iniziano ad essere un tantino prevedibili e che forse sarebbe ora che qualche storia il Vitali la ambientasse ai giorni nostri. Personalmente amo i racconti del passato e quelle che possono essere le tracce da esse derivanti. In questo caso poi, sentimenti e avvenimenti si incrociano davvero bene. E forse in parte è dovuto proprio all’ambientazione scelta.

“La verità della suora storta”  è un libro che funziona e che può avvicinare al genere giallo ed al genere satirico anche coloro che di quest’ultimi non sono pratici.  Le figure chiave in questo caso sono il tassista, la suora ed il maresciallo. Grazie a loro veniamo catapultati in un modo davvero interessante da vedere e conoscere. Tra misteri assurdi e tanti piccoli fatti inspiegabili e colpi di scena. E’ un libro che vi consiglio di leggere con tutto il cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>