L’altro capo del filo, di Andrea Camilleri

di Valentina Cervelli Commenta

Andrea Camilleri e il suo commissario Montalbano sono qualcosa di cui sono diventata dipendente in qualche modo. Ecco quindi che la lettura de “L’altro capo del filo” è arrivata come una boccata di aria fresca in una giornata calda e umida.

Con certi personaggi, se si è abituati allo stile dello scrittore e lo si ama, la soddisfazione nella lettura si pone a buoni livelli praticamente in automatico. Se come in questo caso poi Andrea Camilleri con il suo “L’altro capo del filo” riesce ad unire due storie in una con maestria, è senza dubbio un valore aggiunto al quale abbandonarsi. In questo caso nella assolata e indaffarata Vigata si vengono  a “scontrare” contemporaneamente il recupero di alcuni migranti che tentavano di raggiungere l’Italia e l”omicidio brutale di una donna benvoluta in paese. In questo caso Montalbano si trova a partire praticamente dal nulla nelle sue indagini ed è emozionante vedere il susseguirsi di eventi sulla carta stampata.

Va sottolineato, sono davvero molto poche le pecche riscontrabili nei romanzi di Andrea Camilleri e quando si tratta di Montalbano e delle sue storie si tende a far passare in sordina anche le cose poco piacevoli. Non è il caso di questo libro, interessante dalla prima all’ultima pagina. La prosa dello scrittore, a prescindere dal suo grado di espressione dialettale è sempre in grado di intrattenere. E con “L’altro capo del filo” chi cerca la qualità tipica di questa serie di romanzi può essere certo di trovarla. E’ un libro consigliato, anche come semplice lettura estiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>