“Sua Santità” di Gianluigi Nuzzi: i segreti vaticani

di Valentina Cervelli Commenta

sua santità gianluigi nuzzi segreti vaticaniGianluigi Nuzzi ha colpito ancora. Questa volta se possibile con maggiori e risonanti risultati rispetto alla sua opera “Vaticano S.p.a.” che indagando sullo Ior, l’istituto di credito vaticano, era riuscita ad alzare un polverone di discrete dimensioni. Il libro “Sua Santità” ha rotto ogni possibile limite di scandalo, essendo riuscito a rendere pubbliche le missive “segrete” di Papa Benedetto XVI e della Segreteria Vaticana.

La talpa, inutile dirlo, in questo caso è interna e le indagini vaticane per scoprirla, protrattesi per mesi non hanno dato frutto. E se San Pietro decide quindi di affidarsi alla polizia italiana e internazionale per risolvere il bandolo della matassa, alla popolazione rimane un libro davvero sconvolgente ed interessante in grado di spalancare una finestra sul lato “temporale” del Vaticano.

Un libro inchiesta che lascia davvero senza fiato. Scorrendo le anticipazioni presenti sul sito della casa editrice Chiarelettere, che edita il libro, c’è da rimanere al contempo piacevolmente colpiti e scioccati. E’ come ricevere una conferma di tutto ciò che si sospettava, ovvero della presenza di veri e propri “intrighi” tra prelati e questioni gestionali poco chiare.

Un esempio tra tutte? La faccenda “Dino Boffo”. Ricordate il direttore di Avvenire costretto a dimettersi per via di una campagna diffamatoria attuata nei suoi confronti da parte di un noto quotidiano nazionale? Beh, nel libro si parla anche dei carteggi relativi a questa spinosa faccenda che tanto ha lasciato con l’amaro in bocca gli scorsi mese.

Si parta di “Vatileaks”. E’ forse nome più appropriato non potrebbe essere stato scelto.  “Sua Santità”, disponibile nei maggiori store online e nelle librerie e presto disponibile per la vendita anche in formato ebook, rappresenta una vera e propria scossa di terremoto per le fondamenta papaline. E senza ombra di dubbio sarà destinato a divenire un best sellers nel giro di pochissimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>