Recensione di The Help, di Kathryn Stockett

di isayblog4 Commenta

Non era questo lo scopo del libro? Far capire alle donne: “Siamo semplicemente due persone, e non sono molte le cose che separano. Molte meno di quanto si pensi”. E’ proprio questo lo scopo di The Help, titolo dell’opera di Kathryn Stockett e del romanzo anonimo di denuncia di Skeeter e delle domestiche di colore: raccontare e far riflettere per stimolare un cambiamento importante, il primo di una rivoluzione storica e che riconsegnerà a tutte le donne e gli uomini di colore la diginità che meritano.

Il romanzo di Kathryn Stockett è una delle opere più belle che io abbia letto negli ultimi mesi, un romanzo reso unico e indimenticabile grazie alla scelta dell’autrice, sempre difficile ma in questo caso eseguita egregiamente, di voler narrare uno spaccato di storia così delicato sfruttando le voci delle protagoniste più rappresentative del romanzo: da Skeeter, fresca di studi universitari e decisa nel voler intraprendere una carriera da scrittrice, ad Aibileen, domestica di colore affettuosa e materna che conserva nel cuore tutti i pianti, gli abbracci e i sorrisi dei piccoli bambini bianchi che ha cresciuto, fino a Milly, giovane amica di Aibileen, madre di una tribù di monelli e moglie maltrattata, vittima di un marito sempre sbronzo.

Il romanzo, un volume di oltre quattrocento pagine, ospita una narrazione magistrale in cui lo stile asciutto e corretto di una ragazza neolaureata e di buona famiglia viene intervallato da quello sgrammaticato e semplice delle domestiche, uno stile narrativo che colpisce il lettore e lo porta per mano nelle eleganti stanze delle ville dei bianchi ricchi e dietro le mura delle abitazioni delle famiglie di colore, case povere ma profumate di cannella, caffè e dolci al caramello.

Sfogliando, con dispiacere e nostalgia, l’ultima pagina del romanzo è difficile non condividere il desiderio fortissimo dell’industria cinematografica nel voler realizzare in tempi record la trasposizione di un romanzo così incantevole…

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>