Presentazione di Respiro corto, di Massimo Carlotto

di Giada Aramu Commenta

Esce il nuovo libro di Massimo Carlotto, autore della saga dell’Alligatore e personaggio noto alla cronaca italiana. Il suo nuovo romanzo, Respiro corto, uscirà il 10 aprile e sarà pubblicato dalla casa editrice Einaudi nella collana Stile libero. Nel suo nuovo libro, lo scrittore racconterà di avventure proibite, di fughe segrete, di inseguimenti di criminali e poliziotti, un mondo nascosto agli occhi di molti che si sviluppa tra i vicoli più bui di ogni città, italiana e straniera. Traffico di droga, scambi illegali, azioni commerciali, denaro sporco e personaggi senza scrupoli: il giallo di Massimo Carlotto sfrutta gli ingredienti a lui più noti e amati dal pubblico.

Ecco la presentazione del libro pubblicata su LaFeltrinelli.it:

Come una danza leggera e sapiente, ma implacabile, uno tra i piú amati scrittori italiani ci conduce nella orgogliosa arroganza del nuovo crimine. E racconta da par suo una grande storia, che spazia dai boschi radioattivi di Chernobyl ai caveau delle banche svizzere. Con una irresistibile gang di privilegiati. Zosim, Sunil, Giuseppe, Inez. La Dromos Gang. Si sono conosciuti studiando Economia a Leeds. Brillanti, impeccabilmente vestiti, del tutto amorali ma tra loro fraterni, quattro giovanissimi con pesanti famiglie alle spalle piombano su Marsiglia da ogni parte del globo, per prendersela tutta. Sono convinti che il mondo è di chi corre veloce come il denaro, di chi corre piú veloce di tutti, e il resto non merita di vivere. È subito guerra con i vecchi arnesi: un tenace boss corso di lunga carriera, e una poliziotta in disgrazia che ha un’idea tutta sua della giustizia. Mentre un narcotrafficante allo sbaraglio, che porta il nome fatale di un grande calciatore, proverà a giocare la sua esilarante, tragica partita. E Marsiglia, il luogo oggi dello scontro criminale per eccellenza, dove i conflitti si risolvono a colpi di kalashnikov, diventa l’epicentro di un sisma vastissimo, dalle conseguenze del tutto imprevedibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>