Premio Strega 2013, vince Walter Siti

di Valentina Cervelli Commenta

premio strega 2013 vince walter siti

Walter Siti è il vincitore del Premio Strega 2013. Una vittoria molto ampia, raggiunta con il suo “Resistere non serve a niente”, edito dalla Rizzoli. 165 punti che non lasciano margine al secondo classificato Alessandro Perissinotto con “ Le colpe dei padri”, edito da Piemme.


La sessantasettesima edizione del premio Strega si è svolta quest’anno senza particolari sorprese e con un podio davvero risicato dalla seconda postazione in giù,. Basti pensare che solo un voto ha diviso Perisinotto da Paolo Di Paolo con “Mandami tanta vita” pubblicato dalla Feltrinelli. A seguire sono arrivati Romana Petri con “Figli dello stesso padre” edito dalla Longanesi e Simona Sparaco con “Nessuno sa di noi”della Giunti.

Insomma, alla fine i pronostici della vigilia, che avrebbero voluto una vittoria sul filo del rasoio sono stati disattesi, un po’ come il parterre della manifestazione che non ha visto né la partecipazione del sindaco Ignanzio Marino, né quella di una grande editrice come Inge Feltrinelli, per altro tra gli editori in gara.

Walter Siti,il vincitore, a dirla tutta si era dato come perdente fin dal giorno antecedente la finale. Un “metodo zen” così lo ha definito, per non rimanerci male in caso di perdita e rimanere tranquillo per tutta la competizione senza sviluppare ansia da meccanismo. Un tantino polemica al contrario Romana Petri, che come riportato dall’Ansa, non si lascia perdere l’occasione di sottolineare come questo premio non sia “per donne né giovani né vecchie. E’ dura”, commenta, “fate il calcolo: considerate il numero degli Strega e vedrete quante donne hanno vinto. E’ anche un premio dove non si cambia quasi mai l’editore vincente”.

Quello che ha colpito molti dei presenti allo Strega, ed in particolare la scrittrice Dacia Maraini, è che quest’anno vi sia stata la diretta tv dell’evento su Rai Uno. Ci sentiamo di risponderle che se fa parte di un piano per riportare gli italiani alla cultura, bene vengano tali iniziative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>