Presentazione de Il tuttomio, di Andrea Camilleri

di Giada Aramu Commenta

 Uscirà il prossimo 8 gennaio il nuovo romanzo di Andrea Camilleri, un’opera che sembra allontanarsi dai gialli del noto scrittore per avvicinarsi a uno stile più “romanzato” che non dimentica però la realtà e la cronaca nera del nostro Paese. Ispirato alla vicenda dei Casati, Il tuttomio, pubblicato il prossimo anno dalla casa editrice Mondadori, racconta la passione amorosa tra Arianna e Giulio, una passione travolgente che finirà in tragedia lasciando esterrefatta l’opinione pubblica. La vicenda, raccontata dalla stampa e avvenuta realmente negli anni ’70, scandalizzò il popolo italiano e prende oggi nuovamente vita nel romanzo dello scrittore siciliano.

Ecco la presentazione de Il tuttomio, di Andrea Camilleri:

Arianna ha trentatré anni, ed è bellissima e deliziosamente infantile. I suoi capricci irragionevoli, le sue abitudini regressive e involontariamente lolitesche sono la gioia di Giulio, che la ha sposata e che l’ama e la protegge anche da se stessa. Ogni tanto, però, Giulio è attraversato dalla consapevolezza di non sapere tutto sulla sua moglie sensualissima e bambina: “C’è qualcosa, di te, che mi nascondi”, le sussurra mentre non riesce a fare a meno di viziarla. Di segreti Arianna ne ha molti, e brucianti; ma quello che custodisce più gelosamente è il “Tuttomio”: un rifugio, una “tana” tutta sua, ricavata in un angolo del solaio sul modello della piccola caverna dove si rifugiava in campagna, da piccola, e in cui la sola ospite ammessa è Stefania, una grossa bambola parlante. I giochi di Arianna e Giulio si tingono presto di un’accensione sessuale sempre più pericolosa. Tanto più perché lei, come ogni bambina birichina, non ha chiaro il confine che separa il gioco dalla realtà. Ispirato alla scandalosa vicenda dei marchesi Casati, sorretto da una scrittura capace di scandagliare con potenza e ironia tutte le sfumature della passione, questo romanzo di Camilleri trascina i lettori dritti nel cuore dell’amore e della perdizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>