Offerta eBook 0,99 euro: La malapianta, di Antonio Nicaso e Nicola Gratteri

di Giada Aramu Commenta

L’offerta di oggi è nuovamente dedicata a tutti i possessori di eReader che vogliano scoprire un titolo interessante a un costo davvero imperdibile. L’offerta di oggi, proposta dal sito web LaFeltrinelli.it, è La malapianta, saggio-inchiesta scritto da Antonio Nicaso con la preziosissima collaborazione di Nicola Gratteri, Procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, che ha collaborato alla stesura dell’opera raccontando la sue esperienza e colmando quelle lacune investigative che non permettono al cittadino, e lettore, di conoscere la verità.

Ecco la presentazione de La malapianta, di Antonio Nicaso:

Dopo la strage di Duisburg, nell’agosto del 2007, il mondo sembra finalmente essersi accorto della ‘ndrangheta. Eppure la potente organizzazione criminale calabrese esiste indisturbata da decenni, o da decenni c’è chi quotidianamente rischia la vita per combatterla. Nicola Gratteri, procuratore aggiunto di Reggio Calabria, è certamente una delle personalità più controverse e affascinanti coinvolte in questa guerra. Spesso criticato per la durezza dei suoi metodi, Gratteri è nato in Calabria e dalla sua regione d origine non ha mai voluto andarsene, anche a costo di grossissime rinunce. Una vita interamente dedicata alla giustizia, a prezzo di scelte difficili, come per esempio quella di perseguire penalmente persone in passato vicine, magari amici di infanzia o compagni di scuola. In questo libro il grande investigatore anti-‘ndrangheta si racconta ad Antonio Nicaso.

Nell’opera trapela la dignità degli uomini che amano fare giustizia e la bassezza di quelli che, ignari delle loro gesta, avvelenano una regione, e un intero Paese, che sogna di rinascere e ritrovare la lealtà, la sincerità e l’energia per rialzarsi e lottare per i valori e i sani principi. La carriera di Nicola Gratteri diventa così la protagonista del libro La malapianta che, come un real-thriller, traccia le fila di una criminalità che fa a pezzi il profilo italiano e la credibilità del nostro Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>