Gli e-book più venduti su Ibs: classici e gratuiti

di Barbara 1

In attesa di decidere quale e-reader comprare, ogni tanto do un’occhiata agli e-book che sembrano piacere di più al pubblico italiano. Oggi sono andata a farmi un giretto su Ibs, per leggermi la classifica dei 50 e-books più venduti su questo grosso store on line.

Ebbene, devo ammettere di essere rimasta piuttosto sorpresa da alcuni piazzamenti. Procediamo però con ordine. Per non annoiarvi vi segnalerò solo le prime cinque posizioni e poi quelle che secondo me sono delle curiosità da tener presente.

Al primo posto troviamo Il profumo delle foglie di limone di Clara Sánchez, la storia di una donna incinta che dopo essere stata accolta da due amabili vecchietti scopre che in realtà si tratta di due criminali nazisti. Deve smascherarli e rischiare o tacere e proteggersi?

Al secondo posto, qui già comincio a stupirmi, Instant English di John P. Sloan. Si tratta di un vero e proprio corso di inglese che promette miracoli. Al terzo posto, Il predicatore di Camilla Läckberg, un thriller. Al quarto posto Il cimitero di Praga di Umberto Eco e al quinto Io e te di Nicolò Ammaniti.

Ed ecco le sorprese. Chi l’avrebbe mai detto che entro le prime dieci posizioni si sarebbe piazzata Jane Austen con la raccolta completa di tutti i suoi romanzi? Dovrò assolutamente segnalarlo ad un mio amico, una rarità assoluta, che ha deciso di leggere Orgoglio e Pregiudizio.

Sempre per la serie la rivincita dei classici, al sedicesimo posto si piazza Arthur Conan Doyle con Tutto Sherlock Holmes. Ancora, nei primi cinquanta, le opere complete di Lovecraft, Salgari e Le mille e una notte.

Per finire, si piazzano bene, attenzione, due e-book gratuiti: Editoria digitale di Letizia Sechi e L’ Umanista Informatico. XML, HTML, CSS, SQL, web, internet, database, programmazione e google per le scienze umane di Fabio Brivio.

Considerando che le opere complete degli autori classici di cui ho parlato, vengono pubblicate in un formato davvero molto economico, devo concludere che l’unico motivo che può portare gli utenti ad acquistarle in formato digitale è indiscutibilmente la comodità.

So di cosa parlo: le opere di Jane Austen mi hanno creato non pochi problemi alle articolazioni e a questo punto non posso che sentirmi sempre più sospinta verso l’acquisto del mio primo e-reader. Suggerimenti?

Photo Credits | Stephen Cummings

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>