Leggere insieme, romanticismo o noia mortale?

http://www.youtube.com/watch?v=1TUnOHJoSb8

Sogno di una notte di mezza estate, di William Shakespeare. Quasi quindici anni fa convinsi il mio fidanzato, oggi mio marito, a trascorrere del tempo con me leggendo questa divertentissima commedia ad alta voce. So che anche solo nominare Shakespeare fa venire l’orticaria a molti, eppure, dopo aver perso un po’ di tempo per familiarizzare con il suo linguaggio, non si può che amarlo e ridere e sognare con i suoi versi.

In realtà oggi non intendo parlare nello specifico di quest’opera, ma dell’esperienza del leggere insieme. Secoli fa la lettura era un atto pubblico: un singolo leggeva ad un uditorio. Non poteva essere diversamente, a pensarci bene, visto che l’analfabetismo era condizione comune e che non c’erano a disposizione molti libri (d’accorto è una sintesi spaventosa di secoli di storia, ma potete compensarla leggendo Il futuro del libro di Robert Danton).

Autografi, eventi e reading: le strategie di vendita

Quando le librerie e il settore editoriale cartaceo sentono il mortale tanfo del fallimento, le idee e le creazioni possono fare la differenza. Vi sarà sicuramente capitato di fare la coda in libreria per ottenere un autografo del vostro scrittore preferito e di aver portato a casa con voi la copia del vostro libro preferito arricchita da una dedica unica; un’occasione imperdibile e un cimelio quasi senza prezzo ottenuto gratuitamente. Un sogno.

Torino: la Costituzione si legge alle fermate del bus

“Da oltre 60 anni la Costituzione parla di te: dei tuoi diritti, della tua religione, del tuo futuro… Adesso parla TU della nostra Costituzione!”. E’ questo l’invito che la città di Torino ha lanciato a tutti i giovani invitandoli a prendere parte a un’iniziativa davvero interessante che porterà nelle nostre strade quel po’ di orgoglio nazionale che ben si abbina alle bandiere tricolore che ogni città sfoggia dallo scorso marzo.