Libri universitari gratis: si possono scaricare?

di Valentina Cervelli Commenta

libri universitari gratis scaricare

Libri universitari gratis: si possono scaricare? La risposta ovviamente a doppia lettura e la motivazione di per se stessa molto semplice. Non si potrebbero scaricare: come ogni altro libro che viene messo in commercio o distribuito è coperto dai diritti d’autore. Ma che ne dite delle fotocopie che si continuano a fare in ogni ateneo?

Partiamo da un presupposto: i libri dell’università costano. Chiunque si sia affacciato, anche per qualche ora ad un corso universitario è ben cosciente che i tali volumi, oltre ad essere belli grandi e specifici sono anche molto costosi.  E se l’iscrizione all’ateneo già di per sé mette a dura prova le tasche degli studenti, figurarsi quella di numerosi libri per ogni corso. Ecco quindi che l’idea che subito si forma nella mente dei ragazzi è quella di vedere se sia possibile scaricare libri universitari dalla rete. Lo ripetiamo, è una pratica essenzialmente deprecabile, ma ci sono diversi punti che vanno discussi. Prima di tutto l’alto prezzo, spesso non facile da gestire dagli studenti e dalle loro famiglie. La crisi c’è e anche la formazione ne risente. Altro punto importante: le case editrici spesso, ed è impossibile negarlo perché con questo “giochetto” ci guadagnano anche con i libri di testo del liceo, modificano solo pochissimi aspetti, senza toccare il contenuto dei libri, per rivenderli come nuove edizioni e renderli così “necessari” allo studente.

E ci si chiede quindi poi perché i ragazzi cerchino libri universitari gratis o tentino di scaricare i libri dell’università dalla rete? E’ necessario un minino di senso critico. Certo, le varie prove di “scambio” effettuate dai ragazzi in maniera ufficiale sono man mano crollate tutte: nessun sito, nemmeno uno dei più famosi come “Libreremo” è riuscito a sopravvivere.  Questo non toglie che per scaricare libri universitari i diretti interessati non si siano ingegnati attraverso nuovi mezzi. Pensiamo ai canali iRc od ai torrent, più difficili da smascherare.

Non sarebbe il caso secondo voi di rivalutare l’intero settore, se davvero si ha intenzione di combattere la pirateria? Prezzi più bassi gioverebbero alla causa.

Photo Credit | Getty Images

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>