Il labirinto degli spiriti, di Carlos Ruiz Zafon

di Valentina Cervelli Commenta

Il labirinto degli spiriti di Carlos Ruiz Zafon non necessita in realtà di aver letto gli altri libri della tetralogia per essere apprezzato: questo romanzo, anche da solo, è in grado di catturare l’occhio e l’attenzione del lettore senza problemi.

labirinto-degli-spiriti

Anche quando, magari, è difficile mantenere l’attenzione su un trama di proporzioni epiche. E’ possibile dare la “colpa” delle distrazioni ad entrambi (scrittore e lettore) e dividere al 50% tale difetto di forma? Non c’è ombra di dubbio: Il labirinto degli Spiriti di Carlos Ruiz Zafon non è un libro leggero, sia in termini di storia che di pagine. Ma è comunque un volume che può appassionare e trasportare letteralmente in un altro mondo. Perché quando ad essere coinvolta in un grande mistero è l’anima di un personaggio, non c’è narrazione che tenga: l’impulso alla scoperta c’è sempre.

Carlos Ruiz Zafon non è propriamente un autore adatto “a tutti” e per approcciarsi a lui bisogna essere spiritualmente preparati e non essere spaventati dalla realtà della Spagna che racconta e nella quale inserisce le sue narrazioni. Al momento questo volume sembra essere quello conclusivo della tetralogia e non bisogna illudersi: dei misteri verranno svelati, ma ciò avverrà a caro prezzo, non con semplicità.

Il lettore se avrà la capacità di leggere senza pregiudizi si troverà davanti ad una storia epica ed in grado di catturare. E che con molta probabilità vorrà completare leggendo anche i passati capitoli. Per coloro che amano lo scrittore invece si tratta di una piacevole conferma ampiamente meritata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>