Cinque film pessimi tratti da libri

di Valentina Cervelli Commenta

cinque film pessimi tratti libri

Estrarre film da libri è un classico. E se in passato ci siamo concentrati su quelle che consideravamo ottime trasposizioni, anche di libri che non ci erano piaciuti, oggi facciamo il “lavoro opposto”, ovvero vogliamo condividere con voi cinque pessimi film tratti da libri. Sia che ci siano piaciuti, sia che non ci abbiano emozionato.

Ovviamente si tratta di una top 5 assolutamente personale, della quale non vedo l’ora di avere il vostro punto di vista e conoscere quali sono i film più brutti che pensiate siano stati tratti dai vostri libri preferiti.

1) Shining, di Stanley Kubrick. Possono anche fulminarmi gli appassionati del regista, ma se c’è un film che mi ha fatto male vedere per quanto travisante il libro, non in grado di dargli giustizia è stato proprio questo.  Il brutto? Era un film che aveva molte potenzialità. Non mi stupisce che non sia piaciuto nemmeno a Stephen King come sia stato trasposto.

2) L’amore ai tempi del colera, di Mike Newell. Anche in questo caso è da rimanere sconvolti per i risultati ottenuti. E mi dispiace sia per il libro di Gabriel Garcia Marquez, sia per il regista stesso che con Harry Potter aveva fatto un ottimo lavoro (Harry Potter ed il calice di fuoco).

3) Va dove ti porta il cuore di Cristina Comenicini. Inizio a chiedermi se il mio inconscio rifiuti questa donna, ed è un peccato, perché le potenzialità in lei sono moltissime rispetto a ciò che a me piace. Ma avendo dato una scorta (non una lettura completa) al romanzo di Susanna Tamaro, ed avere visto il film… beh, mi ha lasciato delusa e non mi ha spinto a finire il romanzo. Una lentezza assoluta. Non mi riesce di dire altro.

4) Amore 14, di Federico Moccia. E per ciò che mi riguarda basta dire che il regista è ovviamente autore anche del libro dal quale è stato estratto.  Un’esperienza catartica nella sua negatività. Per ciò che concerne il libro… son durata circa 30 pagine.

5) L’acchiappasogni  di Lawrence Kasdan. Io ho già un particolare rapporto difficile con il libro (e parliamo del mio autore preferito). Vi lascio immaginare i risvolti terrificanti della faccenda.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>